El Mostasù de le Cossére

El Mostasù de le Cossére

‘Na storia ècia de tancc sècoi fa
quan’ che i Bresà j-èra semper a le ma.
Parìa, a la fì, che i Guelf i ghìes fat föra
chei quater Ghibelì scapàcc de pòra.
Ma rìa,’mbilàt, tacàt a la caèsa,
Arigo e la so ghènga e ‘l Brolèt l’è ‘n gremèsa.
De ogni i n’ha fat (graèse, gnoch e lèche) enfìna a sera
chei müs de scalmanàcc, födràcc de raméra.
On mismàs, on scainà de fomne, s.cete e s.cecc,
j-om a sbatajà, en piàsa usàa apó i vècc.
En töt ste demenére, nat zó de birlo per töte ste büsére,
a sbercià de bröt stàa ‘l Mostasù al cantù de le Cossére.
Ma ‘n cruco permalùs, taco e ‘n pó slömàt,
piö prest che ‘n frèsa – zach! – el nas el g’ha raspàt.
Aisebé stosàt e sacagnàt, pasàt töt chel disaster,
amó ‘ncödé sa ‘l vèt a trà la bóca ‘n rider
e cojonà chi rìa de diosandóe, póer có de raarì,
che a mincionà i Bresà i se crèt dei diosachì.
A bàsa us el bòr a chi ména per el nas:
«De nas no ghe n’è, söbiócc, nì vià a scarpelàs!»
Ma…póch i sa che a fa le care ai rescc, al culmen de la lüna,
fiorés l’amùr e rìa, sensa saìl, ‘na gran fürtüna.

Vittorio Soregaroli

 

Traduzione in italiano

Una storia vecchia di tanti secoli fa
quando i bresciani erano sempre alle mani.
Sembrava, alla fine, che i Guelfi avessero scacciato
quei quattro Ghibellini scappati per la paura.
Ma arriva, stizzito, alleato della chiesa,
Arrigo (VII) e la sua banda e il Broletto si veste a lutto.
Hanno fatto di tutto (botte, pugni e ceffoni) fino a sera
quelle facce scalmanate, foderate di lamiera.
Una confusione , un gridare di donne, ragazze e ragazzi,
gli uomini a combattere, in piazza urlavano anche i vecchi.

In questo gran rumore, uscito di senno per tutte queste mattane,
a gridare (sguaiatamente) di brutto stava il Mostasù all’angolo delle Cossère.
Ma un tedesco permaloso, ignorante e un po’ matto,
più presto che in fretta – zach! – gli ha mozzato il naso.
Ancorchè rovinato e ammaccato, passato tutto quel disastro,
ancora oggi lo si vede tirare la bocca in un sorriso (sghignazzare)
e canzonare quelli che arrivano da non si sa dove, povere teste di rapa,
e che a prendere in giro i Bresciani si credono dei padreterni.
A bassa voce rimprovera chi lo mena per il naso:
“Il naso non c’è, stupidotti, andate via a perdere tempo
Ma…pochi sanno che a fare carezze ai resti, al culmine della luna,
fiorisce l’amore e arriva, senza saperlo, una gran fortuna.